Nero di pece

Nero di pece su ieri e domani. Son dama morente in un antico maniero al cui sguardo non sfugge l’amor disertore. Giara di sale trascino sul ventre, che il miele è disperso nella casa del dubbio. Nero di pece su ieri e domani. Son dama danzante in una torre di vetro. Raccolgo le piume di un animo amaro, foggiando le ali..mio solo riparo.

( Sabrina S. )

Il volo

E’ il volo di Tosca il pensiero mio.

In caduta libera attraverso il tempo

feline immagini danzano al cantar di voci stonate negli echi lontani.

La realta’ viva si traveste a pietre

e si macchia del sangue mio

al finir della corsa.

Con le vesti lacere,

nel corpo di Prometeo,

rinasco ogni notte

a ricominciar un volo senz’ali.