Buongiorno, cosi’!

Non c’è bisogno di essere una stanza
per sentirsi infestati dai fantasmi,
non c’è bisogno di essere una casa.
La mente ha corridoi molto più vasti
di uno spazio materiale
ed è assai più sicuro un incontro a mezzanotte
con un fantasma esterno
piuttosto che incontrare disarmati
il proprio io in un posto desolato.

I diari

«L’amo quando di notte o di mattina mi sveglio e vedo: lei mi guarda e mi ama. E nessuno, meno di tutti io, può impedirle di amare come lei sa, a suo modo. L’amo quando è seduta vicino a me, e noi sappiamo che ci amiamo l’un altro, ed essa dice: Lëvočka, e si ferma: perché i tubi del camino sono dritti? oppure perché i cavalli vivono a lungo? o cose simili. L’amo quando stiamo a lungo soli, e io dico: che facciamo, Sonja? che possiamo fare? Lei ride. L’amo quando s’arrabbia con me e d’improvviso, in un batter d’occhio, il suo pensiero e le sue parole diventano aspri: smettiamo, mi dai fastidio; dopo un minuto già mi sorride timidamente. L’amo quando lei non mi vede e non sa che ci sono, e io l’amo a modo mio. L’amo quando è una bambina col vestito giallo e sporge la mascella inferiore e tira fuori la lingua, l’amo quando vedo la sua testa rovesciata all’indietro, e ha il viso serio e spaventato, infantile e appassionato».

Elm

Sono abitata da un grido.
Di notte esce svolazzando
in cerca, con i suoi uncini, di qualcosa da amare.
Mi terrorizza questa cosa scura
che dorme in me;
tutto il giorno ne sento il tacito rivoltarsi piumato,
la malignità.
Le nuvole passano e si disperdono
Sono quelli i volti dell’amore, quelle pallide
irrecuperabilità?
E’ per questo che agito il mio cuore?
Sono incapace di maggiore conoscenza.
Che cos’è questo, questa faccia
così assassina nel suo strangolio di rami?
Sibilano i suoi acidi serpentini.
Pietrificano la volontà. Queste sono le colpe isolate 
e lente
che uccidono e uccidono e uccidono