Marta di neve ( Stralcio )

 

 

Per questa notte è prevista una bufera di neve. Le sirene d’allarme hanno suonato più volte come se fossimo sotto un attacco aereo. I supermercati erano affollati di gente in preda a un attacco di acquisto compulsivo. Due signore si sono quasi picchiate per una scatola di avena biologica. E poi dicono che il biologico è salutare.  I carrelli colmi, come se questa neve dovesse durare fino a primavera e nessuno potesse più uscire di casa senza affrontare una nuova era glaciale. Il tizio alla cassa mi ha guardata con aria quasi impietosita.  Caramelle gommose, una baguette, due tavolette di cioccolata fondente, una confezione di gelato alla vaniglia e tre scatole di caffè in confezione famiglia, per un totale di nove scatole. Basterà almeno per un mese e mezzo. Mi sembra di essere borderline, senza caffè. Come se berlo mi permettesse di avere un contatto diretto col cosmo. Ne sono così drogata, che in assenza di caffè potrei bere l’acqua di una pozzanghera, e connettermi con l’universo grazie a un effetto placebo. Le caramelle gommose le ho prese per abitudine. Ne ho da vendere nella dispensa. Alcune scatole ho dovuto smistarle in più parti della casa, persino sotto il letto, in previsione di un attacco di malinconia durante la notte.  Mi chiedo che cosa diresti, se sapessi che per molto tempo ho continuato a mangiarle col pane, come provammo a fare quel giorno in montagna.

Ci siamo guardate mentre masticavamo, poi le abbiamo sputate e siamo scoppiate a ridere. Un giorno qualunque di qualche anno dopo, hai smesso di parlare. Non esistevano più le tue parole, né i gesti, né giochi e risate. Nessuna corsa in bici, niente più carezze né bambole da vestire. Ho aspettato, e aspettato ancora. I giorni sono diventati anni, trascorsi in un tempo infinito in cui mangiare pane e caramelle era diventata una consolazione. Una ricerca affannosa nella memoria del suono della tua voce, delle risate di quel giorno. Sei un mare di ricordi silenziosi, e io una nave alla deriva che non può affondare, né approdare in alcun porto. Alla deriva.

Ormai il sole è calato da un pezzo. Aspetto la neve, come le puttane i clienti. Guardo continuamente il cielo e cerco l’annuncio della bufera nel vento tra i rami, nell’assenza di animali, nelle finestre sbarrate dei vicini, nel cielo basso che nell’oscurità sembra un’ombra minacciosa. Cerco di spingere il tempo in avanti distraendomi con altre cose, ma sono così piena di eccitazione da non riuscire a gestire niente. Mi metto a cucinare qualcosa, lo faccio sempre quando sono su di giri. Voglio una cosa diversa e accendo il computer per cercare nuove ricette. Poi mi ricordo di aver comprato delle tavolette di cioccolata e mi accingo a preparare una torta. Nel cambiare postazione vedo il libro che sto leggendo, aperto a metà per non perdere il segno, abbandonato sulla poltrona. Mi dirigo verso di esso e mi siedo, continuo a leggere ma non capisco le parole, e continuo a distrarmi soffermandomi sulla scelta dei quadri che ho appeso in sala, e sulle piante con gli steli bassi perché ho dimenticato di dar loro l’acqua. Mi alzo, torno in cucina per prendere una brocca d’acqua e mi ricordo della torta, dimenticando di nuovo le piante.

Per quando arriverà la bufera, sarò esausta e m’addormenterò senza averla vista.

Sono sempre stata impaziente, ma sto avvicinandomi alla quinta essenza del disastro da confusione mentale. Per un uomo sarebbe un suicidio vivermi accanto e dover accettare tutte le mie manie, le abitudini quasi perverse e tutti i miei capricci e le fissazioni. Sono una donna snervante. Quelle come me si lasciano con frasi sul genere “Tu non sei normale”. Ma chi lo è? Abbiamo tutti piccole peculiarità che ci rendono speciali, unici. [ … ]

Annunci

10 thoughts on “Marta di neve ( Stralcio )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...