I diari

«L’amo quando di notte o di mattina mi sveglio e vedo: lei mi guarda e mi ama. E nessuno, meno di tutti io, può impedirle di amare come lei sa, a suo modo. L’amo quando è seduta vicino a me, e noi sappiamo che ci amiamo l’un altro, ed essa dice: Lëvočka, e si ferma: perché i tubi del camino sono dritti? oppure perché i cavalli vivono a lungo? o cose simili. L’amo quando stiamo a lungo soli, e io dico: che facciamo, Sonja? che possiamo fare? Lei ride. L’amo quando s’arrabbia con me e d’improvviso, in un batter d’occhio, il suo pensiero e le sue parole diventano aspri: smettiamo, mi dai fastidio; dopo un minuto già mi sorride timidamente. L’amo quando lei non mi vede e non sa che ci sono, e io l’amo a modo mio. L’amo quando è una bambina col vestito giallo e sporge la mascella inferiore e tira fuori la lingua, l’amo quando vedo la sua testa rovesciata all’indietro, e ha il viso serio e spaventato, infantile e appassionato».

Annunci

2 thoughts on “I diari

    • Tolstoj era un romanticone, nel senso vero del termine. Non melenso, ma appassionato. I protagonisti dei suoi romanzi soffrono per amore, lo perdono, lo ritrovano, si suicidano per lui. Vivono l’amore profondamente e in maniera lesiva. Anna karenina e’ il mio preferito.
      Buon pomeriggio a te, cara. Da me e’ ancora mattina 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...